I programmatori sono serial killer. O no?

Come distinguere un programmatore informatico da un serial killer? Il compito non è facile, perché per essere assolto richiede un colpo d’occhio infallibile. Un movimento essenziale della retina, che coglie quel particolare che ora c’è ora è sfuggito. Ecco dieci piccoli casi da risolvere, senza possibilità di indagine istruttoria.

Il quizzone

Ma quel particolare c’è o non c’è? Secondo la frenologia (dottrina ideata dal medico tedesco Franz Joseph Gall, 1758 – 1828, secondo la quale se hai la testa a forma di ravanello sei un ravanello) la particolare conformazione del cranio di qualcuno potrebbe indicare elementi utili a stabilirne la futura condotta.

E il portiere del vostro palazzo che faccia ha? L’edicolante, la commessa del supermarket?
E se in questo momento dietro di voi si trovasse il programmatore informatico? Paura!

CONDIVIDI
ARTICOLI CORRELATI
1 commento a “I programmatori sono serial killer. O no?”

é dietro le mie spalle il mio killer. L’ho riconosciutoooooooooo

Inviato da gina il 26 ottobre 2007 alle 16:55
Lascia un commento

Captcha - risolvi l\'operazione per inviare il commento * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.