Per passare le blacklist aziendali c’e’ un trucchetto che in molti casi funziona, basta usare il traduttore di google come un proxy virtuale inserendo questa stringa:

http://www.google.com/translate?langpair=it|it&u=www.sitobloccato.com
(dove www.sitobloccato.com è il sito che vogliamo raggiungere)

L’url sopra indicato è appositamente “taroccato”: il parametro “langpair” (letteralmente ‘coppia di lingue’), che gestisce la lingua originale del sito (alla sinistra del simbolo pipe) e la lingua nella quale si vuole tradurre il sito (alla destra), è “it|it” ovvero da italiano a italiano (per default sarebbero due lingue diverse, ovviamente). Questo è l’indirizzo da utilizzare come proxy per vedere siti italiani. Se volessimo vedere un sito scritto in inglese dovremmo utilizzare il parametro “en|en”, cioè inglese/inglese (english).

Questo stratagemma è quello che ci permette di passare tramite il proxy “virtuale”

4 Commenti

  1. Si ma in questo modo non hai i cookie abilitati!! e quindi..se è un sito con login non ci fai un bel niente!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.