BTjunkie di nuovo accessibile in Italia grazie a un proxy Google App Engine

Non finisce la saga di BTjunkie, il famoso tracker torrent, censurato dalle autorità italiane per violazione dei diritti di copyright.

Da qualche ora grazie ad un proxy appoggiato su Google App Engine il tracker è nuovamente raggiungibile dal nostro paese.

Il sito qualche tempo fa aveva già tentato di tornare visibile grazie ad un altro proxy ma le autorità italiane hanno prontamente chiuso anche quell’accesso.

L’indirizzo al quale ora è raggiungibile BTjunkie è http://proxyitalia.appspot.com/btjunkie.org

A questo punto non ci resta che aspettare la risposta delle autorità.

Scomoderanno anche Google e la costringeranno a chiudere anche quest’altra porta di accesso o sarà la stessa Google ha auto censurarsi?

Staremo a vedere… nel frattempo approfittatene se volete

Ah dimenticavo… volete fare un giro su thepiratebay.org ?

Provate a digitare http://proxyitalia.appspot.com/piratebay.org

Via TorrentFreaks

CONDIVIDI
ARTICOLI CORRELATI
1 commento a “BTjunkie di nuovo accessibile in Italia grazie a un proxy Google App Engine”

Buongiorno volevo fer presente che non riesci ad entrate su kickasstorrent.. speriamo che sia una cosa temporanea
Grazie!

Inviato da Brian il 27 settembre 2011 alle 14:48
Lascia un commento

Captcha - risolvi l\'operazione per inviare il commento * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.